MEZZI AEREI A PILOTAGGIO REMOTO: profili giuridici e sfide tecnologiche Milano, 21 maggio 2014 Universit - PowerPoint PPT Presentation

Loading...

PPT – MEZZI AEREI A PILOTAGGIO REMOTO: profili giuridici e sfide tecnologiche Milano, 21 maggio 2014 Universit PowerPoint presentation | free to download - id: 793096-OTJiY



Loading


The Adobe Flash plugin is needed to view this content

Get the plugin now

View by Category
About This Presentation
Title:

MEZZI AEREI A PILOTAGGIO REMOTO: profili giuridici e sfide tecnologiche Milano, 21 maggio 2014 Universit

Description:

Title Cyber terrorism e servizi della navigazione aerea e del trasporto aereo Author: Giovanni Torre Last modified by: Giovanni Torre Created Date – PowerPoint PPT presentation

Number of Views:11
Avg rating:3.0/5.0
Slides: 21
Provided by: Giova58
Learn more at: http://www.ceritt.com
Category:

less

Write a Comment
User Comments (0)
Transcript and Presenter's Notes

Title: MEZZI AEREI A PILOTAGGIO REMOTO: profili giuridici e sfide tecnologiche Milano, 21 maggio 2014 Universit


1
MEZZI AEREI A PILOTAGGIO REMOTOprofili
giuridici e sfide tecnologicheMilano, 21 maggio
2014 Università degli Studi di Milano - Bicocca
Giovanni Torre
2
EVOLUZIONE TECNOLOGICA
21 Secolo
20 Secolo
19 Secolo
18 Secolo
Rivoluzione informatica
Rivoluzione agricola
Rivoluzione industriale
Business Dimensions
Era della Conoscenza e lavoro digitale

Popolazione
Agricoltori ed artigiani
Operai di una fabbrica
Processi
Lavoro in team virtuale e globale
Produzione individuale o familiare
Meccanizzazione linee di produzione
Tecnologie
Rete
Automazione
Lavoro manuale
Fattori chiave
Informazioni
Fabbricazione basata sulle macchine
Strumenti avanzati
3
ENAV S.p.A. 1/2
  • ENAV contribuisce all'efficienza del sistema
    nazionale dei trasporti garantendo la sicurezza e
    la regolarità della circolazione nello spazio
    aereo italiano a tutte le categorie di utenza,
    nel rispetto degli impegni internazionali del
    Paese, salvaguardando la sicurezza e la sovranità
    nazionale.
  • Assolve a questo delicato compito garantendo alle
    migliaia di aeromobili che quotidianamente
    attraversano i cieli italiani la possibilità di
    coesistere in massima sicurezza, seguendo
    armonici flussi di traffico.

4
ENAV S.p.A. 2/2
  • ENAV partecipa a livello nazionale ed
    internazionale allo sviluppo di progetti ad
    elevata tecnologia, relativi anche a nuovi
    sistemi di navigazione aerea e satellitare
    connessi con i servizi della navigazione aerea.
  • ENAV S.p.A., nella sua caratterizzazione pubblica
    ed istituzionale, ai sensi del vigente Codice
    dellOrdinamento militare (D.lgs 15/03/2010 n.
    66), articolo 21, in particolari situazioni di
    contingenza nazionale è soggetta alla disciplina
    che segue
  • 4. In relazione a urgenti necessità per la
    difesa nazionale, il servizio di assistenza al
    volo per il traffico aereo generale, di cui alla
    legge 23 maggio 1980, n. 242, può essere assunto
    dal Ministero della difesa con decreto del
    Presidente della Repubblica, su proposta del
    Presidente del Consiglio dei ministri, di
    concerto con i Ministri della difesa e delle
    infrastrutture e dei trasporti, sentite le
    commissioni competenti dei due rami del
    Parlamento e, in caso di particolare urgenza,
    informati i Presidenti delle Camere.
  • 5. Con decorrenza dalla data del predetto
    decreto, il personale addetto al servizio di
    assistenza al volo è considerato, a ogni effetto,
    personale militare in congedo richiamato in
    servizio, salvo il mantenimento, se più
    favorevole, del proprio trattamento economico.
    Esso non può essere destinato a un diverso
    servizio.
  • Appare dunque sussistere una significativa
    interagenza e continuità tra la principale
    attività statutariamente affidata ad ENAV S.p.A.
    ed i settori della difesa e della sicurezza
    nazionale.

5
DOMINI DELLE TECNOLOGIE DUALI
  • In tutta lUnione Europea è avvertita una
    crescente esigenza e domanda di una comune e più
    efficiente politica nei domini della sicurezza,
    della difesa, dei trasporti e dellenergia.
    Esistono infatti enormi potenziali di sviluppo
    industriale e di sinergie tra le esigenze
    civili/governative/militari in tema di
    aerospazio, difesa, telecomunicazioni ed energia.
    Limpiego crescente di tecnologie a controllo
    remoto implicano, tra laltro, la necessità di
    una infrastruttura di comunicazione satellitare,
    su una banda elettromagnetica sempre più ampia e
    su un'architettura distribuita sul territorio.
  • Il settore aerospaziale, con le sue molteplici
    applicazioni duali, rappresenta un elemento
    strategico per lautonomia tecnologica e la
    sicurezza della Nazione, con possibili
    applicazioni nellaviazione in campo marittimo,
    stradale e ferroviario. Inoltre, è lambito nel
    quale gli operatori italiani hanno da tempo
    assunto un ruolo primario, ponendosi
    allavanguardia nelle innovazioni nella fornitura
    di servizi, in materia di prodotti e processi
    produttivi, consolidando nel tempo un forte
    apprezzamento da parte degli acquirenti
    pubblici e privati sullo scenario interno ed
    internazionale.
  • Una partecipazione alle iniziative europee
    maggiormente coordinata e sinergica, oltre ad un
    rinnovato sviluppo delle alleanze industriali
    internazionali e comunitarie, può rappresentare,
    nel suo insieme, un ulteriore volano per la
    crescita dei profili di dimensione, tecnologia ed
    occupazione.

6
SVILUPPO E PRODUZIONE DELLE TECNOLOGIE DUALI 1/2
  • Al momento è particolarmente sentita da tutti gli
    stakeholders lassenza di una politica di
    indirizzo nazionale e, dunque, di un autorevole
    ed effettivo coordinamento interno delle
    iniziative, generandosi così perdite di chance
    e di finanziamenti a livello nazionale ed
    internazionale. Il predetto coordinamento
    garantirebbe alle realtà italiane invece un ruolo
    di main player nel mercato militare e civile
    globale, con benefici economici/occupazionali.
  • Gli investimenti in ricerca, sviluppo e
    produzione di sistemi ad alta tecnologia non
    possono essere affidati alla sola iniziativa dei
    privati (autofinanziamento o credito bancario),
    ma necessitano dellessenziale intervento
    pubblico, che può effettivamente sostenere gli
    elevati rischi connessi ai necessari ed
    importanti investimenti, con tempi lunghi di
    rientro economico (15-20 anni) e redditività
    differita nel tempo. A tale proposito va
    ricordata una rilevante funzione dello Stato,
    cioè quella di provvedere alla difesa ed alla
    sicurezza nazionale che è ritenuta preminente
    rispetto alle valutazioni di costi/benefici,
    probabilmente complementari rispetto al predetto
    e fondamentale ruolo di ogni Stato.
  • A tuttoggi, tenuto conto del rilevante
    svantaggio competitivo italiano negli
    investimenti per la ricerca nazionale, appare
    conseguentemente opportuno che anche lItalia
    definisca linee di orientamento di politica
    industriale per lhi-tech di lungo termine ed
    individui anche a medio termine i metodi di
    sviluppo e le risorse finanziarie per dare
    positivo esito alle azioni ipotizzate. Appare
    indispensabile uno sforzo creativo, immaginando e
    creando strumenti di ammodernamento, incentivando
    e ricorrendo alla cooperazione pubblico/privato.

7
SVILUPPO E PRODUZIONE DELLE TECNOLOGIE DUALI 2/2
  • La particolare collocazione geografica ed i buoni
    rapporti già avviati da tempo dallItalia con i
    Paesi non EU del bacino del Mediterraneo,
    costituiscono per il nostro Paese una solida base
    per supportare e facilitare importanti
    cooperazioni (ad esempio come nel caso della
    recente costituzione con gli Stati di Cipro,
    Grecia e Malta, nellambito del Single European
    Sky, del Blocco Funzionale di Spazio Aereo BLUE
    MED FAB, ecc.). Lattenzione dellItalia al
    Mediterraneo consentirà di potenziare anche la
    collocazione internazionale delle nostre
    Industrie/Istituzioni/Organismi, al fine di poter
    acquisire finanziamenti da parte dellUnione
    europea e/o di Organizzazioni internazionali,
    finalizzati ad assicurare un adeguato sviluppo
    dei Paesi non UE che si affacciano sul
    Mediterraneo.
  • Oggi, più che in passato, la domanda pubblica
    aerospaziale nazionale deve essere indirizzata
    verso la realizzazione di sistemi applicativi
    effettivamente necessari per soddisfare le reali
    esigenze delle Istituzioni (civili e militari).
    Il comparto della Sicurezza e, in generale della
    Pubblica amministrazione, risultano essere tra i
    primi possibili utilizzatori delle nuove
    tecnologie, quali ad esempio i mezzi aerei a
    pilotaggio remoto.

8
TECNOLOGIE E CAPACITA COLLEGATE
  • Supporto ed Assistenza Medica
  • Sorveglianza e presentazione remota dell'area di
    intervento (Sorveglianza area, terrestre e
    marittima)
  • Strumenti di interoperabilità, piattaforme sicure
    di scambio dati e sistemi di Comando e Controllo
  • Sorveglianza e controllo ambientale
  • Sorveglianza e controllo meteorologico
  • Cyber Security
  • Ricerca, Sviluppo, Modellizzazione, Simulazione e
    validazione per l'automazione, controllo remoto e
    supporto logistico e strategico a tutti i sistemi
    di trasporto
  • Ottimizzazione e supporto tecnologico in tema di
    intermodalità dei sistemi di trasporto
  • Ottimizzazione e supporto tecnologico in tema di
    SMART CITIES (es. città prova Firenze, Pisa,
    Verona,
  • Roma)
  • Micro e Nano Satelliti
  • Monitoraggio e sicurezza dei sistemi di
    trasporto
  • Ricerca e sviluppo di tecnologie avanzate in tema
    di interfaccia uomo-macchina
  • Ricerca e sviluppo di tecnologie avanzate in tema
    di materiali innovativi e relative soluzioni di
  • implementazione tecnologica.

9
FONTI FINANZIARIE E CONTRIBUTORS INTERNAZIONALI
1/2
  • 1. NAZIONALI
  • Investimenti Industria nazionale
  • Programma Nazionale di Ricerca incremento delle
    spese per la ricerca dal 0,56 1,53 del Pil
  • Incremento al 3 del Pil delle spese per RS
    (raccomandazione UE)
  • Credito d'imposta e dei finanziamenti della Cassa
    Depositi e Prestiti per le attività di RS
  • Piano Nazionale della Ricerca del MIUR
  • Cluster Tecnologico Nazionale Aerospaziale
  • Distretti tecnologici e fondi regionali
  • Legge 808/85
  • Piano Nazionale Ricerca Militare
  • Public, Private, Partnership - PPP
  • Permute di materiali e prestazioni

10
FONTI FINANZIARIE E CONTRIBUTORS INTERNAZIONALI
2/2
  • 2. EUROPEI
  • Fondi UE per la politica di coesione
  • Fondi strutturali Europei
  • Horizon 2020
  • Project Bond
  • EDA
  • Pooling Sharing (PS) ambito UE
  • Programmi in cooperazione internazionale
  • SESAR
  •  
  • 3. MONDIALI
  • Collective Target NATO
  • Smart Defence ambito NATO
  • Venture capital
  • Programmi di cooperazione internazionale

11
APR e Normativa
  • Le Autorità Nazionali dellAviazione Militare e
    Civile sono molto impegnate a regolamentare la
    materia, con attenzione anche verso il segmento
    degli Light APR per i quali gli impieghi civili
    stanno assumendo dimensioni rilevanti
  • Lattuale missione è quello di fornire un quadro
    normativo che regoli limpiego e dia supporto per
    lo sviluppo tecnologico
  • La sinergia della Comunità Aeronautica Civile con
    le Istituzioni Militari è importante per maturare
    una solida base di riferimento per linserimento
    degli APR nello spazio aereo civile, il loro
    impiego duale, nonché per supportare le realtà
    industriali nel loro percorso di maturazione
    tecnologica.
  • Ai sensi del Codice della Navigazione ENAC ha in
    sviluppo un Regolamento che intende affrontare
    tutti gli aspetti normativi afferenti limpiego
    dei mezzi aerei a pilotaggio remoto di competenza
    nazionale
  • E in fase di consultazione una Circolare che
    fornirà indicazioni sui mezzi di rispondenza al
    regolamento. In parallelo è in sviluppo una Linea
    guida per fornire indicazioni di dettaglio sui
    mezzi di rispondenza

12
APR e Normativa
  • Le operazioni degli APR dovranno
  • Non avere un impatto negativo sugli obiettivi
    generali per la sicurezza aerea
  • Non richiedere modifiche significative alle
    procedure ATM
  • Non dovranno avere un impatto negativo sulla
    capacità di controllo del traffico aereo.
  • Per gestire in piena sicurezza ed in modo
    autonomo e automatico tutto il traffico aereo
    civile-militare in Europa, dovrà essere
    sicuramente creato un sistema di gestione dati e
    dinformazioni della massima sicurezza, anche dal
    punto di vista Cyber.
  • Linserimento degli APR nel traffico commerciale
    ed il loro utilizzo futuro in voli
    transfrontalieri, abbinato agli sviluppi di
    iniziative tra cui SESAR, potrebbero aprire a
    nuovi scenari ove, a grandi opportunità di
    crescita commerciale, è da affiancare una
    maggiore attenzione agli aspetti cosiddetti di
    cyber Security dell'infrastruttura di rete
    wireless, sia per il segmento di bordo che per il
    segmento di terra, con la necessità di dover
    analizzare ed identificare per tempo le eventuali
    aree di vulnerabilità e le possibili minacce,
    così da implementare adeguate forme di
    protezione, eliminando leventuale rischio o
    mitigandolo fino a renderlo accettabile.
  • Lo sviluppo tecnologico degli APR, strettamente
    connesso allormai inevitabile e continua
    affermazione della robotica in genere, ha aperto
    un promettente capitolo nella storia
    dellaeronautica, con possibili applicazioni e
    sviluppo di requisiti anche per il trasporto
    marittimo e terrestre.

13
Servizi della navigazione aerea 1/2
  • Il controllo del traffico aereo, nellambito dei
    servizi della navigazione aerea e della gestione
    del traffico aereo, è un servizio estremamente
    critico.
  • Al fine di garantire la sicurezza dei voli sono
    stati adottate procedure e mezzi estremamente
    sofisticati, supportati da sistemi informativi di
    ultima generazione.
  • I sistemi informativi, inclusi i sistemi di
    comunicazione, sono essenziali per le attività di
    controllo del traffico aereo. Dai radar ai
    sistemi radio tutto oggi è controllato da
    avanzati sistemi computerizzati, collegati in
    rete. Pertanto, un blocco dei sistemi informativi
    può portare alla chiusura dello spazio aereo, non
    consentendo agli aerei di poter decollare,
    atterrare o addirittura transitare sui cieli
    italiani.
  • Per gestire in piena sicurezza ed in modo
    autonomo e automatico tutto il traffico aereo
    civile-militare in Europa, dovrà essere
    sicuramente creato un sistema di gestione dati e
    di informazioni della massima sicurezza, anche
    dal punto di vista Cyber.
  •  

14
Servizi della navigazione aerea 2/2
  • Gli aspetti di Cyber Security rendono necessaria
    la definizione di unadeguata strategia per la
    protezione dellintera infrastruttura di rete
    (wired e wireless) con la necessità di dover
    analizzare ed identificare per tempo le eventuali
    aree di vulnerabilità e le possibili minacce,
    così da implementare adeguate forme di
    protezione, eliminando leventuale rischio o
    mitigandolo fino a renderlo accettabile.
  • Il pieno coinvolgimento sin dallinizio delle
    attività, in modo sistemico, delle parti
    pubbliche e private interessate, consentirà di
    poter prevenire possibili criticità di sicurezza,
    operative e regolamentari, con potenziali impatti
    di Safety e di Security
  • ENAV in proposito ha da sempre indirizzato le
    proprie scelte con estrema attenzione, dotandosi
    di avanzati strumenti e processi di controllo con
    lobiettivo di garantire la resilienza e la
    continuità operativa.

15
APR ed ATC
SESAR JU APR COMMUNICATION NETWORK
16
APR Safety Security
  • Le attuali soluzioni tecnologiche necessitano di
    miglioramenti per maturare la capacità di impiego
    in spazi aerei non segregati e loperabilità in
    ambiente ATC/ATM
  • Tale maturazione è connessa ai requisiti di
    aero-navigabilità (ed associati livelli di safety
    level), agli standard e alle procedure attese per
    le diverse classi di APR e quindi ad un percorso
    congiunto di maturazione della regolamentazione
  • Requisiti di airworthiness e safety con forti
    commonality sia per il campo civile che militare
    per ottimizzare lo sforzo, anche in termini di
    tempi e costi, per lo sviluppo di piattaforme
    che, comuni per quanto possibile, garantirebbero
    il rispetto delle peculiarità dei due ambiti
  • Definizione di aree nazionali di volo permanenti
    per la sperimentazione, il collaudo
    post-produzione, nonché lo sviluppo di nuovi
    concetti operativi
  • Rilascio di singole autorizzazioni al volo anche
    per attività di lavoro aereo non segregato
    sfruttando la conformazione peninsulare della
    nostra Nazione secondo criteri di risk
    assessment / risk management, nonché la
    possibilità di un approccio semplificato alla
    certificazione di tipo.

17
APR Safety Security
INTRODUZIONE
  • La spinta maggiore nello sviluppo degli APR è
    stata fin qui data dal loro sempre crescente
    impiego in situazioni di conflitto, con scelte
    tecnologiche ed architetturali figlie di questo
    impiego prevalente
  • Limpiego duale degli APR in spazi aerei non
    segregati rende necessaria una
  • Analisi dellaffidabilità e dellinteroperabilità
    richiesta ai diversi e nuovi sistemi ed operatori
    coinvolti
  • Analisi dei requisiti in termini di security e di
    safety, della capacità di handover del pilota e
    di connessione con lambiente ATM
  • E prevedibile che limpiego duale degli APR in
    ambienti non segregati comporterà una particolare
    attenzione a tutti gli aspetti inerenti la Cyber
    Security, sia per il segmento di bordo che per
    quello di terra
  • E prevedibile un impiego duale di payload di
    Difesa Elettronica per missioni di sorveglianza
    dello spettro elettromagnetico

17
18
APR Safety Security
  • Il tema della security rappresenta la vera sfida
    per un impiego duale degli APR in tutte le classi
    di spazio aereo perché diverse e tante possono
    essere le fonti di rischio (fisico, elettronico,
    cyber, etc) che possono compromettere la
    sicurezza del volo e quindi del velivolo, del
    personale impiegato, degli altri utilizzatori
    dello spazio aereo e di tutte le terze parti
  • Alcuni eventi occorsi negli ultimi anni hanno
    mostrato il grande impatto mediatico, economico e
    politico che possono avere le minacce alla
    sicurezza di sistemi critici, militari e non (p.
    es. Stuxnet, incidenti su Lockheed Martin RQ-170
    Sentinel, Camcopter, SkyNet). Le minacce sono
    sempre più blended, mischiando attività condotte
    su reti wired e wireless utilizzanti dunque lo
    spettro elettromagnetico a radiofrequenza.
  • Nel corso delle recenti e congiunte attività a
    livello nazionale, si è ritenuto di procedere non
    esclusivamente attraverso analisi legate
    allaeromobile, ma sulla base di valutazioni, in
    particolare di safety, relative alle specifiche
    operazioni/funzioni richieste, con un adeguato
    approccio di risk assessment/management.
  • Per favorire un celere avvio delle attività di
    inserimento degli APR in spazi aerei non
    segregati, deve essere tenuta in debito conto la
    conformazione orografica della nostra penisola e
    relativi vantaggi, tra cui la presenza in Italia
    di numerosissimi aeroporti costieri, oltre alla
    vastità ed allimportanza strategica dellintero
    Mediterraneo.

19
APR e percezione pubblica
  • E necessaria unadeguata campagna informativa a
    livello Nazionale ed Internazionale per divulgare
    una corretta conoscenza degli APR e delle loro
    effettive potenzialità per contribuire a
    migliorare la vita di tutti i giorni
  • La Commissione Europea, a seguito della ERSG
    Roadmap per lintegrazione degli APR nell
    European Aviation System, nel 2013 ha già
    previsto una divulgazione verso i cittadini
    utilizzando i mezzi di informazione (facilitator
    group, public awareness survey, code of conduct,
    ecc)
  • I cittadini devono essere posti nella condizione
    di capire la tecnologia tramite una corretta
    informazione, basata su evidenze tecnologiche e
    di pubblica utilità il fallimento di tale
    campagna avrebbe potenziali effetti negativi e
    limitare limpiego degli APR a specifici utilizzi
    in ambito strettamente militare ed in contesti
    remoti.

20
Grazie dellattenzione
Giovanni Torre Funzione Organizzazioni Nazionali
del Trasporto Aereo Relations between ENAV and
other national istitutions, organisations and
bodies Responsabilegiovanni.torre_at_enav.it  
                          
About PowerShow.com