Ricerca e Innovazione Tecnologica - PowerPoint PPT Presentation

Loading...

PPT – Ricerca e Innovazione Tecnologica PowerPoint presentation | free to download - id: 6ff4d5-MTdlY



Loading


The Adobe Flash plugin is needed to view this content

Get the plugin now

View by Category
About This Presentation
Title:

Ricerca e Innovazione Tecnologica

Description:

... pi verde e pi ... promuovere un economia con un alto tasso di occupazione che favorisca la coesione sociale e territoriale Obiettivo fondamentale ... – PowerPoint PPT presentation

Number of Views:10
Avg rating:3.0/5.0
Slides: 26
Provided by: Age110
Learn more at: http://host.uniroma3.it
Category:

less

Write a Comment
User Comments (0)
Transcript and Presenter's Notes

Title: Ricerca e Innovazione Tecnologica


1
  • Ricerca e Innovazione Tecnologica
  • per
  • eccellere, cooperare e competere
  •  
  • ERNESTO CHIACCHIERINI
  •    
  • Dipartimento di Management, Sapienza Università
    di Roma
  • Via del Castro Laurenziano, 9 00161 ROMA

2
LE QUATTRO ERE DELLINNOVAZIONEHarward Business
ReviewAnthony Scott
  • PRIMA ERA inventori solitari
  • SECONDA ERA laboratori industriali
  • TERZA ERA start-up e venture capital
  • QUARTA ERA - catalizzatori dellinnovazione
    - leader aziendali capaci di sviluppare le
    risorse innovative inespresse

3
ECONOMIA DELLA CONOSCENZA
  • Il progresso e lo sviluppo delle Nazioni sono
    sempre più
  • basati sulleconomia della conoscenza in quanto
    il potenziale
  • di crescita dipende in maniera diretta dagli
    investimenti
  • nel rinnovamento delle conoscenze
  • RICONVERSIONE INDUSTRIALE
  • Nelleconomia della conoscenza si ha una
    struttura di produzione e distribuzione dove la
    componente immateriale ed innovativa assume un
    ruolo determinante al fine di innescare e
    sostenere una riconversione industriale basata
  • sulla sostenibilità
  • sulla rigenerazione delle risorse primarie
  • sulla cooperazione ed integrazione tra tutte le
    componenti della filiera del sapere e
    dellinnovazione

4
LECCELLENZA DELLISTRUZIONE E DELLE COMPETENZE
  • ISTRUZIONE - FORMAZIONE - MONDO IMPRENDITORIALE
  • Integrazione UNIVERSITA - RICERCA - IMPRESE
  • Connubio tra RICERCA e MONDO INDUSTRIALE
  • attraverso
  • IDEA RICERCA e SVILUPPO PRODOTTO
    INDUSTRIALE
  • MERCATO

5
IL NUOVO SISTEMA DELLA RICERCA ED IL PRINCIPIO
GUIDA PER LA SOSTENIBILITÀ
  • Il principio guida del
  • Programma Nazionale della Ricerca 2011-2013
  • diventa la sostenibilità attenta alle
    implicazioni
  • socio-economiche ed al rispetto degli equilibri
    dellhabitat naturale.
  • Il nuovo modello comporta la collaborazione e
    linterazione continua tra pubblico e privato
  • IMPRESE - UNIVERSITÀ - ISTITUZIONI DI GOVERNO
  • realizzando dei network per assicurare il
    successo nella fornitura di beni, servizi e
    prodotti innovativi al mercato.

6
Il Programma Nazionale della Ricerca 2011-2013
predisposto ed approvato dal Governo elabora un
PACCHETTO CONOSCENZA SU VARI LIVELLI
  • EDUCAZIONE
  • RICERCA DI BASE
  • RICERCA APPLICATA
  • SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO
  • VALORIZZAZIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE

7
CONVERGENZE E RAPPORTI
  • A LIVELLO NAZIONALE
  • A LIVELLO EUROPEO
  • A LIVELLO INTERNAZIONALE

8
CONVERGENZE E RAPPORTI A LIVELLO
NAZIONALEINDUSTRIA 2015
  • Documento di strategia che mira ad individuare le
    linee guida fondamentali del cambiamento
  • in unottica di innovazione
  • orientando le scelte di politica economica con
    gli obiettivi delineati nel documento di
  • VISIONE STRATEGICA EUROPA 2020

9
CONVERGENZE E RAPPORTI A LIVELLO EUROPEO
  • Unione dellInnovazione
  • Settimo Programma Quadro
  • Ottavo Programma Quadro in approvazione
  • Programmi ERA-NET
  • Programmi Congiunti
  • Piattaforme tecnologiche europee
  • Iniziative tecnologiche Congiunte (JTI)
  • Research-driven Clusters
  • Partnership Pubblico-Privato (PPP)
  • Partnership Europee per lInnovazione (European
    Innovation Platform-EIP)
  • Programmazione Congiunta (Joint Programming
    Initiatives-JPI)
  • Sviluppo di grandi infrastrutture di ricerca nel
    quadro della roadmap ESFRI (European Strategy
    Forum for Research Infrastructures che racchiude
    44 progetti in diversi settori della scienza e
    tecnologia, prioritari per lEuropa, con una
    spesa di 20 miliardi di Euro nei prossimi 10-15
    anni).

10
VISIONE STRATEGICA EUROPA 2020
  • Rafforzamento Spazio Europeo della Ricerca (ERA)
  • Obiettivo entro il 2020
  • libera circolazione dei ricercatori, della
    conoscenza
  • e della tecnologia
  • Strategia di sviluppo basata su tre priorità
  • CRESCITA INTELLIGENTE sviluppare uneconomia
    basata sulla conoscenza e linnovazione
  • CRESCITA SOSTENIBILE promuovere uneconomia più
    efficiente sotto il profilo delle risorse, più
    verde e più competitiva
  • CRESCITA INCLUSIVA promuovere uneconomia con un
    alto tasso di occupazione che favorisca la
    coesione sociale e territoriale

11
Obiettivo fondamentale della STRATEGIA EUROPA
2020
  • miglioramento delle condizioni per la ricerca
  • e lo sviluppo in Europa
  • portare al 3 entro il 2020 linvestimento
    pubblico e privato per raggiungere
  • 3.7 milioni di nuovi posti di lavoro
  • incremento annuo del PIL 800 miliardi di Euro
    entro il 2025

12
VISIONE STRATEGICA EUROPA 2020
  • Per migliorare la strategia in ricerca e sviluppo
    vengono proposte alcune Iniziative FARO (Flagship
    Initiatives) tra le quali di particolare
    interesse anche a livello nazionale si segnalano
  • INNOVATION UNION per migliorare le condizioni
    generali e laccesso ai finanziamenti per la
    ricerca e linnovazione, facendo in modo che le
    idee innovative si trasformino in nuovi prodotti,
    processi e servizi tali da stimolare la crescita
    e loccupazione
  • YOUTH ON THE MOVE per migliorare lefficienza
    dei sistemi di insegnamento e agevolare
    lingresso dei giovani nel mercato del lavoro

13
CONVERGENZE E RAPPORTIA LIVELLO INTERNAZIONALE
  • Costante riferimento alla formazione del capitale
    umano ed agli investimenti per tendere alla
    cooperazione internazionale

14
PRINCIPALI OBIETTIVI DEL PNR 2011-2013
  • Crescita della competitività del Paese in aree
    tecnologiche prioritarie
  • miglioramento della qualità e raggiungimento
    della massa critica nella Ricerca pubblica e
    privata
  • consolidamento e crescita degli investimenti in
    ricerca, sviluppo e innovazione
  • valorizzazione del capitale umano
  • rafforzamento della collaborazione tra Ricerca
    pubblica e imprese e promozione del trasferimento
    dei risultati della Ricerca al settore produttivo
    (technology transfer)
  • sostegno allinternazionalizzazione delle imprese
    che fanno innovazione e alla nascita e sviluppo
    di nuove imprese high tech
  • realizzazione e partecipazione alle
    infrastrutture di Ricerca europea anche a
    supporto alle tematiche definite dalle JPI (Joint
    Programme Initiative)

15
CONTESTO COMPETITIVO GLOBALE
  • NUOVA MACRO GEOGRAFIA DEGLI INVESTIMENTI RS
  • Il centro di gravità economico mondiale ed il
    contesto scientifico-tecnologico si spostano dai
    Paesi dellAtlantico ai Paesi del Pacifico in
    particolare lAsia Sud-Orientale
  • (Corea del Sud, Singapore, Taiwan)

16
SPESA PER RICERCA E SVILUPPO IN DEL PIL PER
L'ANNO 2011
Fonte Rapporto Battelle - http//www.battelle.org
dati 2007 dati 2010
17
INVESTIMENTI IN RICERCA NEL DECENNIO 1990-2000
  • dati UNESCO
  • EUROPA dal 33.9 al 27.2 DIMINUZIONE
  • ASIA dal 23.0 al 30.5 AUMENTO
  • dati UNCTAD Investimenti privati nella ricerca
  • Economie in Germania Francia
    Italia
  • via di sviluppo
  • 1996 2002 1996-2002 1996-2002
    1996-2002
  • 50.4 del tot 56.9 3.1
    1.6 costante

18
INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO IN ITALIA
  • In base alle statistiche internazionali lItalia
    accusa un ritardo negli investimenti in RS sia
    pubblici che privati rispetto ai Paesi
    industrializzati. Ciò è dovuto alla struttura
    dimensionale delle imprese italiane basata
    soprattutto sulle PMI che in Italia presentano
    una rappresentatività molto maggiore che negli
    altri Paesi.
  • Le PMI italiane investono in RS appena il 5.1
    del totale degli investimenti. Tuttavia, si deve
    tener presente che nel sistema manifatturiero
    italiano è in atto una ristrutturazione con un
    impegno crescente ad investire in RS come si
    evince dai dati export di prodotti a contenuto
    tecnologico medio-alto.

19
DIMENSIONE DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE
dati Mediobanca
20
VALORE AGGIUNTO DEI PRODOTTI MANUFATTI IN BASE AL
CONTENUTO TECNOLOGICO
  • Quota delle esportazioni dei prodotti a contenuto
    tecnologico medio alto
  • 2003 2006
  • 24.5 27.7

21
ITALIA QUATTRO CAPITALISMI
22
LE MEDIE IMPRESE
Fonte Centro Studi Unioncamere, dati 2007
23
LE IMPRESE DEL QUARTO CAPITALISMO(MULTINAZIONALI
TASCABILI)
  • Secondo dati MEDIOBANCA 4.483 medie imprese
    rappresentano in numero l1 delle imprese
    manifatturiere.
  • Producono il 14-15 del valore aggiunto
    dellindustria manifatturiera.
  • Il 47 del valore aggiunto delle 4.483 imprese
    proviene da quelle localizzate nel Nord-Est, il
    45 da quelle localizzate nel Nord-Ovest ed il
    rimanente 8 dalle imprese meridionali.
  • Le imprese del Nord sono concentrate nei settori
    della meccanica, della chimica, della
    metalsiderurgia e dei beni della persona e della
    casa. Le imprese meridionali sono concentrate
    soprattutto nel settore alimentare.
  • La presenza nei settori high-tech è scarsa, in
    effetti prodotti dellalta tecnologia coprono
    meno del 4 del fatturato.

24
INDUSTRIA MANIFATTURIERA ITALIANA
  • Lindustria manifatturiera italiana è
  • SECONDA in Europa dopo la Germania
  • OTTAVA nel mondo per esportazioni

25
INDICATORI DI CONSISTENZA E CURA DEL CAPITALE
UMANO
Fonte European Innovation Scoreboard
About PowerShow.com